Questo sito utilizza cookies. Per saperne di più: Privacy Policy

Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser

3 consigli per scegliere la macchina del ghiaccio giusta

PRODUTTORI GHIACCIO: PREPARIAMOCI ALLA STAGIONE ESTIVA

 

 

Finalmente l’estate è alle porte: le giornate si allungano, le serate si fanno via via più tiepide e i tuoi clienti indugiano sempre più volentieri ai tavolini all’aperto, per un aperitivo rinfrescante o un cocktail dopo cena.

Per te che gestisci un locale, che sia un piccolo chioschetto, un locale di tendenza o il più classico dei bar questo è soprattutto il momento di riflettere sulla produzione di ghiaccio.   Avere a disposizione la macchina giusta è fondamentale per offrire ai tuoi clienti un servizio impeccabile, soprattutto in questa stagione.

Ma orientarsi sul mercato non è semplice perché l’offerta è, come ormai per ogni prodotto, vastissima; vediamo quindi quali sono gli aspetti da tenere in considerazione per fare la scelta giusta.

 

1. Cubetto pieno o cubetto cavo?

 I fabbricatori di ghiaccio pensati per i bar si dividono principalmente in base al tipo di cubetto che producono che può essere pieno o presentare una cavità all’interno.

Il cubetto pieno è per certi versi migliore, sia da un punto di vista puramente estetico (si presenta meglio all’interno del bicchiere) che da quello delle prestazioni perché rimane compatto più a lungo senza sciogliersi e questo lo rende particolarmente indicato per il raffreddamento prolungato di bevande che vengono consumate con calma (bibite, aperitivi, amari e digestivi).

Per contro il ghiaccio in cubetto pieno è un po’ più difficile da rompere a mano quindi se hai un locale in cui vengono serviti molti cocktail realizzati con ghiaccio spaccato dovrai prevedere l’acquisto di uno spaccaghiaccio.

Il cubetto cavo invece ha una superficie refrigerante più ampia ed è quindi perfetto per raffreddare velocemente bevande da consumarsi subito; inoltre è molto più facile da rompere a mano quindi anche in caso di una grande produzione di cocktail non sarà indispensabile lo spaccaghiaccio.

Infine tieni presente che il cubetto pieno viene prodotto con il sistema “a spruzzo” che per motivi tecnici necessita di un trattamento dell’acqua impeccabile: questo significa che se ti trovi in presenza di un’acqua particolarmente calcarea dovrai prevedere l’installazione di un addolcitore e provvedere con costanza alla sua manutenzione (in caso contrario il rischio è quello di rimanere a piedi anche dopo pochissime settimane di utilizzo).  Se invece non sei sicuro di riuscire a mantenere l’acqua sempre perfettamente addolcita la tua scelta dovrebbe ricadere su un produttore di ghiaccio in cubetto vuoto che viene realizzato con il sistema “a palette”, l’unico in grado di garantire un perfetto funzionamento anche in presenza di acque particolarmente dure.

 

 2. Capacità produttiva e di stoccaggio.

 La seconda scelta da fare riguarda le dimensioni della macchina che acquisterai.

I fabbricatori di ghiaccio vengono catalogati in base alla quantità di ghiaccio che sono in grado di produrre nelle 24h e alla capacità del contenitore di stoccaggio in cui il ghiaccio viene immagazzinato.

I modelli più diffusi nel settore bar sono quelli che producono 20, 25 o 30 kg di ghiaccio in 24h; la capacità della vasca di stoccaggio va dai 6 ai 15 kg.

Attenzione però: quando la vasca è piena la macchina smette di produrre ghiaccio e riprende solo quando la vasca comincia ad essere svuotata, quindi la capacità della vaschetta di stoccaggio è un dato fondamentale.

Considera che in un cocktail/aperitivo sono contenuti circa 100g di ghiaccio: valuta il volume di lavoro medio giornaliero e fai i tuoi conti.

 

3.Raffreddamento ad aria o ad acqua

 L’ultima scelta che devi fare riguarda il metodo di raffreddamento della macchina che può avvenire ad acqua o ad aria.

Le macchine con raffreddamento ad aria hanno il pregio del ridotto consumo di acqua ma hanno bisogno di un buon circolo di aria e pertanto non possono essere installate all’interno del banco bar e il rendimento diminuisce all’aumentare della temperatura ambiente; per questi motivi nella quasi totalità dei casi la scelta ricade sui produttori di ghiaccio raffreddati ad acqua.

 

Questi erano i nostri consigli per guidarti nella scelta del giusto produttore di ghiaccio.

Se stai pensando di acquistarne uno per il tuo locale o se semplicemente vuoi approfondire l’argomento contattaci: puoi chiamare, mandare una mail a info@sguazzini.it  o passare a trovarci presso la nostra sede.

 

Scritta il 11/05/2018